Moria di pesci nella Roggia Scairolo, l'inquinamento è avvenuto ieri

LUGANO - L'Ufficio della caccia e della pesca sta lavorando per stabilire l'origine della moria di pesci riscontrata questa mattina nella parte alta della Roggia Scairolo, poco a valle dello svincolo autostradale di Pambio-Noranco.

Il tratto interessato dal fenomeno misura circa 250 metri, la metà dei quali scorre in un canale sotterraneo. Il numero complessivo dei pesci morti raccolti è di 66 trote fario e 11 strigioni. "Visto il quadro della situazione è stato immediatamente avvisato il Ministero Pubblico che ha aperto una inchiesta per le verifiche di eventuali responsabilità penali".

La moria è dovuta all'inquinamento del corso d'acqua, causato da una marcata alterazione del pH. Le prime misurazioni condotte sul posto al momento dell’intervento hanno comunque potuto accertare che la qualità delle acque della roggia erano normali. "Si desume quindi che l’evento inquinate è avvenuto il giorno precedente, ipotesi confermata pure dallo stato dei pesci morti".

Gli indizi raccolti sul terreno, le testimonianze ricevute e la collaborazione con gli Uffici tecnici comunali della zona hanno permesso di circoscrivere l’area di ricerca della fonte di inquinamento e attualmente sono in corso le indagini condotte dalla Polizia cantonale.

Fonte: https://www.tio.ch/News/Ticino/Cronaca/1024312/Moria-di-pesci-nella-Roggia-Scairolo-l-inquinamento-e-avvenuto-ieri/