Il Malombra sta risorgendo

Le misure messe in atto per salvare il riale sulla piana del Vedeggio sembrano funzionare. Il monitoraggio continua

Descrizione: https://service.ticinonews.ch/files/www/ticinonews.ch/images/4bk3/m_9o03.jpgA seguito di alcune segnalazioni al Cantone inoltrate dalla Società pescatori “La Ceresiana” e dei conseguenti accertamenti relativi al prosciugamento, in occasione di periodi particolarmente siccitosi, del riale Malombra nella piana del Vedeggio, il Dipartimento del territorio ha incaricato l’Ufficio della Caccia e della Pesca (UCP) di approfondire tale problematica in collaborazione con la Società di pesca stessa.

Il prosciugamento non occasionale di un corso d’acqua pregiudica in maniera sensibile un sano sviluppo della fauna ittica. Considerato che il riale Malombra è un corso d’acqua che presenta, in condizioni normali, una buona popolazione di pesci, si è ritenuto opportuno accertare, per quanto possibile, l’eventualità di adottare misure concrete volte a limitare la riduzione delle sue acque.

Dopo un primo accertamento in loco, si è deciso di coinvolgere anche l’Ufficio dei corsi d’acqua (UCA) e il Consorzio di Manutenzione opere di arginatura del basso Vedeggio (CMABV).

Il sistema di alimentazione primario delle acque del Malombra è, di fatto, una derivazione delle acque del fiume Vedeggio. Le problematiche riscontrate che comportano una riduzione della portata derivata dal Vedeggio sono le seguenti: - l’ostruzione parziale dell’opera di presa (legname, foglie, sedimenti fluviali, ecc.) ubicata in sponda orografica sinistra del fiume - il deterioramento e malfunzionamento di due chiuse in legno poste nel tratto iniziale del riale, nonché una parziale ostruzione dei canali di derivazione a causa di normali depositi fluviali (essenzialmente ghiaia e sabbia). La mancanza di una manutenzione sistematica delle strutture di regolazione come pure la mancata asportazione dei depositi fluviali impedisce il corretto funzionamento del sistema.

Allo scopo di ottimizzare questa derivazione dal Vedeggio, limitando il più possibile le riduzioni di portata nel riale Malombra, si è deciso, di comune accordo, di attuare alcune misure d’immediata applicazione.

Nel concreto:

- la presa sul Vedeggio sarà oggetto di controlli periodici affinché essa sia sempre libera da ostruzioni

- verrà verificato lo stato delle chiuse attuali e valutata una loro eventuale sostituzione

- si procederà all’asportazione periodica del materiale ghiaioso sedimentato nel tratto interessato dagli stramazzi di regolazione.

Qualora, nonostante l’attuazione di tali prime misure, il riale Malombra dovesse nuovamente asciugare, si potrà eventualmente valutare un incremento delle portate derivate, previa una verifica idraulica della capacità della sua sezione a garantire il deflusso delle acque di piena sull’intera tratta interessata. A tale proposito, dopo un primo intervento coordinato, si è riscontrato che, nonostante un inverno particolarmente siccitoso, il Malombra ha sinora avuto sempre un deflusso minimo sufficiente, contrariamente ad alcune tratte di altri corsi d’acqua locali conosciuti come a rischio siccità e che, di fatto, si sono asciugati.

È quindi probabile che questo primo risultato positivo sia frutto dei provvedimenti messi in atto. Tuttavia, per valutarne l’effettiva portata sarà necessario attendere e monitorare i prossimi periodi siccitosi estivi, durante i quali, in passato, il Malombra ha evidenziato questa criticità.

Fonte: https://www.ticinonews.ch/ticino/269005/il-malombra-sta-risorgendo