"I predatori possono essere pescati"

BELLINZONA - Il Consiglio di Stato nella sua seduta settimanale ha approvato il Decreto esecutivo sulla pesca nei laghi Ritom, Naret Grande e Sambuco. In questi laghi artificiali da diversi anni si riscontra uno scarso successo dei ripopolamenti annuali, a causa della consistente presenza di grossi pesci che attraverso la loro attività predatoria riducono drasticamente il tasso di sopravvivenza degli altri pesci. Lo scorso anno per arginare il problema si era dato il via libera a una pesca mirata a questi predatori.

L’azione viene riproposta anche quest’anno, per cui dal 5 giugno al 30 settembre 2015, per l'esercizio della pesca nei laghi Ritom, Sambuco e Naret Grande, ai detentori delle patenti di pesca D1 è consentito l’uso contemporaneo di due canne, a condizione che le stesse siano ambedue innescate con pesce naturale vivo o morto, oppure artificiale per la cattura di grossi pesci predatori. Per l’innesco è consentito unicamente l’uso di pesci non protetti, oppure pesci artificiali, la cui lunghezza totale non deve essere inferiore a 7 cm. Per l’innesco con pesce vivo è consentito unicamente l’uso della sanguinerola (bameli), innescata per la bocca.

Le catture di grossi pesci predatori di lunghezza pari o superiore a 50 cm, effettuate in questi laghi secondo le modalità indicate, oltre che essere regolarmente iscritte nel libretto di statistica, dovranno essere segnalate telefonicamente entro 48 ore all’Ufficio della caccia e della pesca (091 814 28 71).

Fonte: https://www.tio.ch/News/Ticino/Attualita/1029199/I-predatori-possono-essere-pescati/